“Lo specchio vuoto” di Fernando Scianna

image

Muore sua madre e Roland Barthes racconta che questo lutto lo spinge a cercare nell’album di famiglia, ma anche tra le carte che si accumulano nel cassetti, una fotografia della madre nella quale poterla riconoscere come la ricorda, come lo strazio del lutto pretende di ritrovarla.

Facendo questo viaggio Barthes si interroga su cosa è la fotografia, e non è un paradosso che alla fine del viaggio, questo deposito di memoria Barthes lo riconosca in una fotografia che nel libro non ci mostra: è un’immagine di sua madre bambina colta in un jardin d’hiver. Un’immagine quindi di prima che il destino avrebbe fatto diventare sua madre quella bambina.
La madre di Barthes era già sua madre ancora prima di diventare donna, quando ancora era una bambina, e lo scrittore in quella fotografia di donna-bambina la riconosce probabilmente con maggiore intensità che in altre fotografie in cui aveva raggiunto la fisionomia che lui da figlio ricorda.
E’, questo, un altro fantastico aspetto della fotografia: come se qualunque istante della vita di un uomo, di una donna, potesse riassumere una vita, tutto il senso di una vita.

Informazioni su Andrea Torinesi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: