Uomo, macchina, uomo

La cosa più difficile è sopportare il dolore di un luogo o delle persone. La fotografia ti ci mette davanti. Prima vivi il posto e la gente, poi scatti e li diventi una macchina perchè altrimenti forse non scatteresti neppure e quando l’otturatore si chiude torni essere umano e senti quello che hai fotografato… lo senti proprio dentro.

Informazioni su Andrea Torinesi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: